Il capolavoro

Che in termini di tattica politica la crisi del Conte bis sia stata un “capolavoro” è indiscutibile. Che questo “capolavoro” sia opera di Matteo Renzi è altrettanto indiscutibile. Gli obiettivi che Renzi si era posto sono stati pienamente raggiunti: Conte a casa, Draghi a Palazzo Chigi, M5s e PD in cattive acque, progetto di rifondazione […]

Continua a leggere "Il capolavoro"

L’importanza di chiamarsi Mario

Mi sono domandato: cosa, in un asciutto monologo di 50 minuti, riesce a convincere, e forse a trascinare, un intero paese? Cosa riesce a suscitare partecipazione e consenso trasversale, non solo tra partiti diversissimi ma anche in blocchi sociali tipicamente non comunicanti e talvolta contrapposti? Qual è l’ingrediente segreto di Mario Draghi, il quid che […]

Continua a leggere "L’importanza di chiamarsi Mario"

LETTERA APERTA DELLA #CORRENTEJEDI AL SEGRETARIO DEL PD NICOLA ZINGARETTI

Caro Segretario, tra i mille beni preziosi che sono a rischio in questo orribile momento c’è anche il Partito Democratico. Oggi, infatti, il PD corre il rischio di sparire, stritolato tra lo smarrimento del progetto politico iniziale e l’effetto distruttivo di marea esercitato dall’eccessiva vicinanza al movimento cinque stelle. È un miracolo che al PD […]

Continua a leggere "LETTERA APERTA DELLA #CORRENTEJEDI AL SEGRETARIO DEL PD NICOLA ZINGARETTI"

Un giorno di festa

Nonostante il flagello del covid, nonostante la pena che tanti portano nel corpo e nell’anima per le sofferenze morali e materiali della pandemia, questo è un vero giorno di festa. Negli USA il mostro del populismo fascistoide viene finalmente sconfitto. E a ben guardare questa sconfitta matura nel modo migliore: nonostante l’enorme e apparentemente inspiegabile […]

Continua a leggere "Un giorno di festa"

Non ho le parole

Non ho più le parole. Cestino quasi ogni tweet che comincio a scrivere. Ciò che scrivo, ma anche ciò che leggo, mi suona stupido, o arrogante, o vuoto nel migliore dei casi. Le parole con cui era così dolce ricamare, trastullarsi, provocare – quando attorno ad esse la vita scorreva più o meno tranquilla, entro […]

Continua a leggere "Non ho le parole"

Mattarellum!

La politica italiana ha disperatamente bisogno di un colpo d’ala, dopo tutte le miserie nelle quali è precipitata dal 2016 ad oggi. Grazie alle tossine inoculate dal populismo essa continua ad essere vissuta come matrigna, e riscuote interesse solo nella misura in cui se ne fa bersaglio di disprezzo ed ignominia. Così si spiega tanta […]

Continua a leggere "Mattarellum!"

Il vincitore

E’ vero, ha vinto lui. Nicola Zingaretti. Ha vinto perché ha tenuto la Toscana, o forse perché i benemeriti toscani, che Dio li benedica, hanno deciso di dare il 35% a un partito zoppicante pur di sbarrare la strada a Salvini anche in assenza di un buon candidato. Ha vinto perché De Luca in Campania […]

Continua a leggere "Il vincitore"

Perché voterei ancora PD

Nel club tutto sommato ristretto dei riformisti liberal, dialoganti e con il cuore a sinistra risuona in modo piuttosto ossessivo un interrogativo accorato, posto soprattutto da chi nel PD ha militato e che nel PD ha creduto (rimediandone una cocente delusione): “VOTI ANCORA PD? MA COME FAI?”. È da un bel po’ di tempo che […]

Continua a leggere "Perché voterei ancora PD"

La miserabile guerra dei politigans

È sconcertante ciò che la centrifuga dei social può spremere dalle viscere dei politigans, gli hooligans della politica pronti a randellarsi senza pietà dalla loro tastiera al seguito dei loro beniamini. La vicenda della prescrizione ha scatenato un’abominevole gazzarra social tra ex compagni del partito democratico, che non avevano altro motivo per darsele se non […]

Continua a leggere "La miserabile guerra dei politigans"