Lo strazio dell’opposizione per lo spasso di Giorgia Meloni

Ho vissuto la transizione dal governo Draghi a quello Meloni quasi trattenendo il respiro, privo di un terreno politico sotto i piedi, senza saper bene cosa aspettarmi e cosa sperare. Da quando voto non mi è mai successo. Alla sconfitta sì, sono abituato, visto che – salvo rari casi – i partiti per cui ho […]

Pubblicità

Continua a leggere "Lo strazio dell’opposizione per lo spasso di Giorgia Meloni"

Addio al Partito Democratico

Nel PD abbiamo creduto in tanti, in tanti gli abbiamo voluto bene e ancora gliene vogliamo; ma da anni ormai è diventato una pietra al collo per la sinistra anziché uno strumento per il suo rinnovamento. Solo celebrando le esequie del Partito Democratico e seppellendo i suoi cari resti c’è qualche speranza di ricostruire un’alternativa […]

Continua a leggere "Addio al Partito Democratico"

L’è tutto da rifare

“Gli è tutto sbagliato, l’è tutto da rifare”, brontolava Gino Bartali commentando i difetti “di sistema” del ciclismo su strada. La sua sentenza vale certamente per i guai del centrosinistra oggi: mai un susseguirsi di madornali errori fu messo in fila così diligentemente, mai danni furono tanto catastrofici, mai si è corso incontro al pericolo […]

Continua a leggere "L’è tutto da rifare"

Le pagelle della crisi

Draghi: 10 –. Impossibile elencare i meriti del Presidente del Consiglio. La sua figura resterà un esempio difficilmente eguagliabile di saldezza morale, leadership, credibilità personale e politica. Il suo passo indietro è uno dei momenti più densi di significato politico e istituzionale della storia repubblicana, un fascio di luce spietata su una politica irresponsabile e […]

Continua a leggere "Le pagelle della crisi"

Perché dovremmo lasciar andare Draghi e sciogliere le Camere (ma non lo faremo)

Tra i mille motivi per i quali a Mario Draghi va la mia imperitura riconoscenza ci sono la spinta decisiva al collasso del movimento cinque stelle e il chiarimento dello scenario politico che ne è derivato in vista delle prossime elezioni. Tutto deve ancora accadere, ma una luce in fondo al tunnel di un centrosinistra […]

Continua a leggere "Perché dovremmo lasciar andare Draghi e sciogliere le Camere (ma non lo faremo)"

Il traditore

Il movimento cinque stelle accoltella alle spalle un governo che stava finendo di trasferire agli italiani 50 miliardi di euro contro la crisi, che stava amministrando un piano di sviluppo da 200 miliardi e che rappresentava la garanzia di rispettabilità del paese di fronte alla comunità internazionale. E lo fa con l’unico fine di garantirsi […]

Continua a leggere "Il traditore"

Campo largo o deserto politico?

Se guardiamo con freddezza e distacco all’andamento di questa legislatura dobbiamo arrenderci all’idea che il campo largo, ormai divenuto un tormentone per chi si occupa di politica, è più un rischio che un’opportunità per il centrosinistra. Qui proverò ad argomentare questa tesi. In linea di principio tenere insieme lo schieramento avverso al centrodestra sarebbe un […]

Continua a leggere "Campo largo o deserto politico?"

In difesa dell’anonimato

I profili anonimi su Twitter non sono – in quanto tali – un pericolo per il dibattito pubblico e pretendere di ricondurli ad un’identità verificabile è un danno alla libertà di pensiero. Proverò ad argomentare qui questa tesi, opponendomi a chi, come Carlo Calenda o Luigi Marattin, propone il bando dell’anonimato sui social. Non sarò […]

Continua a leggere "In difesa dell’anonimato"