MATTEO RENZI, SVOLTA A DESTRA?

Ci sono due possibili scenari intepretativi della strategia politica renziana: scompaginamento generale del quadro politico finalizzato a staccare e attrarre brandelli di elettorato moderato, installazione al centro dell’arco costituzionale in posizione di “ago della bilancia” ma con intese preferenziali verso il centrosinistra; sostituzione di Forza Italia e di Silvio Berlusconi quale componente moderata del centrodestra. […]

Continua a leggere "MATTEO RENZI, SVOLTA A DESTRA?"

Il capolavoro

Che in termini di tattica politica la crisi del Conte bis sia stata un “capolavoro” è indiscutibile. Che questo “capolavoro” sia opera di Matteo Renzi è altrettanto indiscutibile. Gli obiettivi che Renzi si era posto sono stati pienamente raggiunti: Conte a casa, Draghi a Palazzo Chigi, M5s e PD in cattive acque, progetto di rifondazione […]

Continua a leggere "Il capolavoro"

L’importanza di chiamarsi Mario

Mi sono domandato: cosa, in un asciutto monologo di 50 minuti, riesce a convincere, e forse a trascinare, un intero paese? Cosa riesce a suscitare partecipazione e consenso trasversale, non solo tra partiti diversissimi ma anche in blocchi sociali tipicamente non comunicanti e talvolta contrapposti? Qual è l’ingrediente segreto di Mario Draghi, il quid che […]

Continua a leggere "L’importanza di chiamarsi Mario"

LETTERA APERTA DELLA #CORRENTEJEDI AL SEGRETARIO DEL PD NICOLA ZINGARETTI

Caro Segretario, tra i mille beni preziosi che sono a rischio in questo orribile momento c’è anche il Partito Democratico. Oggi, infatti, il PD corre il rischio di sparire, stritolato tra lo smarrimento del progetto politico iniziale e l’effetto distruttivo di marea esercitato dall’eccessiva vicinanza al movimento cinque stelle. È un miracolo che al PD […]

Continua a leggere "LETTERA APERTA DELLA #CORRENTEJEDI AL SEGRETARIO DEL PD NICOLA ZINGARETTI"

Un giorno di festa

Nonostante il flagello del covid, nonostante la pena che tanti portano nel corpo e nell’anima per le sofferenze morali e materiali della pandemia, questo è un vero giorno di festa. Negli USA il mostro del populismo fascistoide viene finalmente sconfitto. E a ben guardare questa sconfitta matura nel modo migliore: nonostante l’enorme e apparentemente inspiegabile […]

Continua a leggere "Un giorno di festa"

Non ho le parole

Non ho più le parole. Cestino quasi ogni tweet che comincio a scrivere. Ciò che scrivo, ma anche ciò che leggo, mi suona stupido, o arrogante, o vuoto nel migliore dei casi. Le parole con cui era così dolce ricamare, trastullarsi, provocare – quando attorno ad esse la vita scorreva più o meno tranquilla, entro […]

Continua a leggere "Non ho le parole"

Mattarellum!

La politica italiana ha disperatamente bisogno di un colpo d’ala, dopo tutte le miserie nelle quali è precipitata dal 2016 ad oggi. Grazie alle tossine inoculate dal populismo essa continua ad essere vissuta come matrigna, e riscuote interesse solo nella misura in cui se ne fa bersaglio di disprezzo ed ignominia. Così si spiega tanta […]

Continua a leggere "Mattarellum!"

Il vincitore

E’ vero, ha vinto lui. Nicola Zingaretti. Ha vinto perché ha tenuto la Toscana, o forse perché i benemeriti toscani, che Dio li benedica, hanno deciso di dare il 35% a un partito zoppicante pur di sbarrare la strada a Salvini anche in assenza di un buon candidato. Ha vinto perché De Luca in Campania […]

Continua a leggere "Il vincitore"

Perché voterei ancora PD

Nel club tutto sommato ristretto dei riformisti liberal, dialoganti e con il cuore a sinistra risuona in modo piuttosto ossessivo un interrogativo accorato, posto soprattutto da chi nel PD ha militato e che nel PD ha creduto (rimediandone una cocente delusione): “VOTI ANCORA PD? MA COME FAI?”. È da un bel po’ di tempo che […]

Continua a leggere "Perché voterei ancora PD"